Alimenti senza carboidrati: quali sono

Dopo ormai due anni passati in casa, senza poterci recare nelle nostre amatissime palestre, un po’ tutti abbiamo notato quello sgradevole aumento di tessuto adiposo. Fortunatamente dal primo Giugno (Covid permettendo) le palestre riapriranno, ma per poter ritornare in forma, anche la dieta deve fare la sua parte.

La migliore alimentazione per dimagrire

Secondo il parere degli esperti, non esistono diete particolari e miracolose che possano contribuire alla salute di un soggetto. La migliore dieta è quella che prevede un’assunzione bilanciata di macronutrienti, che in genere si aggira intorno al 50/60% di carboidrati, 20% di grassi e 15/20% di proteine e 25/30% di lipidi.

Il deficit calorico

Normalmente ogni soggetto per poter vivere, consuma una serie di calorie (Kcal) al giorno per far funzionare quella macchina complessa che è il nostro organismo. In genere la quantità universale di Kcal da assumere si aggira intorno alle 2000/die.
Per poter dimagrire dobbiamo abbassare l’introito calorico, ma SENZA mai perdere le giuste percentuali per una dieta equilibrata (non possiamo pensare di non mangiare carboidrati mai più, in quanto INDISPENSABILI per la nostra salute).

Cibi senza carboidrati quali sono?

Per abbassare il nostro introito calorico, possiamo ricorrere a numerosi cibi poveri di zuccheri, i cosidetti alimenti chetogenici dei quali spesso parliamo su Ketoblog.it.

Elenchiamo alcune categorie di seguito:

  • carne e pesce;
  • verdura e (alcuni) frutti;
  • alcuni dolcificanti;
  • il caffè.

Carne e pesce

Carne e pesce rappresentano per eccellenza alimenti privi di glucidi (o zuccheri) e consentono un apporto proteico per il nostro organismo. Sia la carne rossa, che la carne bianca dovrebbero far parte di qualsiasi dieta sana e bilanciata.

Contrariamente a quello che si pensa, alcune proteine della carne sono indispensabili per il corretto funzionamento del nostro corpo e difficilmente possono essere sostituiti dai vegetali, a differenza di quello che molti credono.

Il pesce rappresenta un ulteriore fonte proteica e lipidica da non escludere mai.

Il pesce, inoltre è dotato di alcuni grassi “buoni”, che contribuiscono a mantenere in salute il nostro corpo, come l’acido grasso Omega 3 e l’acido grasso Omega 6.

La verdura

La verdura contiene alcuni carboidrati, ma il contenuto è talmente irrisorio, che potrebbe quasi essere trascurato. Verdure come le carote, ricche tra l’altro di Vitamina A, B, C ed E, hanno un contenuto di carboidrati, pari a 7,6g ogni 100g di prodotto.

La lattuga, ortaggio che usiamo frequentemente nelle nostre tavole, contiene appena 2,9g ogni 100g.
in generale la verdura rappresenta una buona fonte di alimenti con pochi carboidrati, ma con diversi nutrienti come vitamine o sali minerali, che mantengono in salute il nostro corpo.

Prestate invece attenzione alla frutta!!

Ci viene sempre detto da piccoli di mangiare più frutta possibile, perchè ci aiuta a stare in salute e non fa male. Come sempre la verità sta nel mezzo. Un eccessivo consumo di frutta può portare ad un elevata quantità di zuccheri assunti, in quanto la frutta è ricca, anzi, ricchissima di carboidrati.

Una semplice mela, può portare un apporto di 56 kcal (14g di carboidrati) ogni 100g. Più di un bicchiere di Coca Cola o quasi. Fortunatamente esistono però anche alcuni tipi di frutta con un ridotto apporto calorico e glucidico.
Le fragole ad esempio si attestano sugli 8g ogni 100g, mentre frutti come l’avocado, particolarmente usato nel mondo del fitness, contengono sui 9g ogni 100g.
Alla luce di quanto detto, non bisogna eliminare il consumo di frutta, ma bisogna prendere coscienza che non va bene neanche esagerare.

Dolcificanti senza zuccheri

Se non riusciamo proprio a rinunciare al gusto dolce degli alimenti, fortunatamente la cucina e la scienza, ci vengono in contro con dei dolcificanti, che hanno il potere di addolcire gli alimenti che assumiamo, senza aumentarne l’apporto calorico.

Si tratta, nella maggior parte dei casi di particolari proteine o amminoacidi con spiccato potere dolcificante.
Elenchiamo di seguito alcuni:

  • la Stevia, che contiene circa 1,4g di carboidrati ogni 100g;
  • Sciroppo di agave, che contiene un valore leggermente inferiore allo zucchero, che si aggira intorno ai 68g ogni 100g di prodotto;
  • l’eritritolo, composto polialcolico, presente naturalmente nella frutta, che ha un potere dolcificante molto simile allo zucchero, ma di fatto, non ha alcuna caloria;
  • l’aspartame, appartenente alla famiglia dei dolcificanti edulcoranti, utilizzati in molte bevande famose, tra le quali, la Coca Cola Zero.

Concludendo, non bisogna focalizzarsi troppo sull’assunzione di cibi che presentino pochi carboidrati, sperando di dimagrire efficacemente in poco tempo. Il consiglio migliore è quello di approcciare un programma dietetico personalizzato e, soprattutto, bilanciato e adattato alle nostre caratteristiche.

La presenza di taluni alimenti, certo, ci aiuta a tenere sotto controllo l’apporto glucidico ed evitare di accumulare zuccheri su zuccheri, ma gli stessi zuccheri sono indispensabili per il corretto funzionamento del nostro sistema nervoso (il quale consuma solo zuccheri e ossigeno per vivere), quindi mai fare l’errore di azzerare il loro utilizzo, in quanto la malnutrizione è causata anche da un eccessivo deficit calorico.

Lascia un commento