Come affrontare la prima gravidanza: i segreti per viverla serenamente

Hai tanto desiderato che si vedessero quelle striscette diventassero colorate e ora che il test ha dato il responso tanto sperato iniziano le ansie e le paure. Non preoccuparti cara futura mamma, è più che normale. Possiamo dare la colpa agli ormoni ma molto probabilmente è una semplice reazione razionale; per quanto il bimbo sia desiderato si tratta comunque di un cambiamento importante.

in questo post vogliamo darti qualche consiglio su come vivere serenamente la gravidanza. Se si tratta della prima gravidanza sarai alle prese con un sacco di “prime volte” e “prime sensazioni”. Le paure aumentano se questa gravidanza arriva dopo un aborto o dopo tanti tentativi; non preoccuparti cara futura mamma, ci siamo passate davvero tutte. Proprio per smorzare la tensione e trovare qualche consiglio utile abbiamo chiesto aiuto a preferivofareluovo.it una mamma blogger con due bimbi che ha fatto dell’ironia l’arma migliore per affrontare questo percorso.

Affronta la paura del parto senza ascoltare i racconti degli altri

Ti hanno tutti sostenuto nell’idea di avere un figlio e proprio quando hanno scoperto della tua gravidanza hanno iniziato con i racconti catastrofisti: c’è un monologo della fantastica Teresa Mannino che racconta proprio di questa tendenza; gente che ti dice di goderti la bellissima pelle e i capelli folti perché ti cadranno tutti, chi ti dice di dormire perché passeranno mesi prima che il tuo neonato ti conceda una intera notte di sonno e poi c’è chi addirittura decide di alimentare il panico del parto con racconti horror.

Come fare dunque? Il consiglio migliore è certamente quello di ignorare queste persone e rivolgersi solo a personale competente. Se hai dei dubbi o delle paure parlane con il tuo ginecologo e con il reparto di ostetricia. Leggi libri ed eventualmente chiedi anche un supporto ad un corso pre-parto specializzato in rilassamento. In questo modo potrai affrontare meglio il dolore.

La paura di non essere all’altezza: la sindrome dell’impostore

Chi soffre di sindrome dell’impostore teme sempre di non essere all’altezza e in caso di una gravidanza questa paura si acutizza; a mettere il carico da novanta di solito sono la madre e la suocera che non fanno altro che evidenziare eventuali mancanze. Stai tranquilla cara mamma, sicuramente non ripeterai gli errori fatti dai tuoi genitori… probabilmente ne commetterai altri! 😀

Il corpo che cambia: come mettere da parte la paura di ingrassare

I ginecologi oggi sono sempre più attenti a non far ingrassare troppo le mamme, non per questioni estetiche ma di salute. Il diabete gestazionale e la pressione alta possono infatti mettere a rischio sia la vita del bambino che quella della mamma. Se ti affidi al tuo ginecologo e ad un nutrizionista potrai seguire una dieta mediterranea bilanciata che non ti farà perdere troppo peso. E non preoccuparti, il corpo cambierà ma avrai tutto il tempo dopo la nascita del bambino per rimetterti in forma, se lo vorrai.

Non è una gara: segui i tuoi ritmi

Solitamente la prima cosa che fa una mamma in attesa è iniziare a seguire influencer e mamme blogger nello stesso periodo della vita. Bellissimo, spesso danno anche consigli utili ma sono spesso sommerse da prodotti sponsorizzati e questo come fa sentire le future mamme? In ritardo. Sì, perché loro hanno già 3 passeggini, 8 culle sparse per casa, 3 seggiolini auto da montare anche sulle macchine dei nonni e molto altro ancora. Spoiler: non ti serve tutta quella roba!

No alla sedentarietà: sport e camminate sono necessari (salvo diversa indicazione del medico)

Un errore che molte mamme commettono è di associare la gravidanza ad uno stato di malattia: si mettono a riposo forzato, anche quando non è il ginecologo stesso a dirlo. Se non hai indicazioni particolari da parte del tuo medico evita di lasciare lo sport o di smettere di camminare, anzi proprio questo movimento può farti bene. Attenzione solo a non strafare e ad ascoltare sempre il tuo corpo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.