Fobie strane, quali sono

Le fobie sono un fenomeno che colpiscono, in modo differente, tutti gli esseri umani, Alcune paure, però, sono ritenute abbastanza comuni, mentre ce ne sono altre che sono senza dubbio più curiose e allo stesso tempo rare.

Per le persone che soffrono di queste particolari paure entrare in contatto con l’oggetto della loro fobia significa, il più delle volte, avere delle ripercussioni su quello che è il proprio stato visto che sono esposte ad attacchi di panico, accelerazioni del battito cardiaco e voglia di fuggire.

Le motivazioni possono essere diverse, ma vanno ricercate in quelle che sono state le esperienze e i traumi subiti magari da bambini o, in alcuni casi, si possono trattare di fobie che ci sono state trasmesse da uno dei due genitori in maniera inconsapevole.

Fobie: ecco alcune tra le più strane

  • Kenophobia

La kenophobia è la paura degli spazi vuoti che,, nella vita di tutti i giorni, si traduce con la difficoltà a sporgersi da un balcone oppure nel viaggiare in aereo. In senso più ampio questa paura del vuoto la si può intendere anche come paura del vuoto dell’anima, manifestando una certa difficoltà da parte di questi individui di affrontare situazioni impreviste per via di un forte timore della morte.

  • Koumpounofobia

In questo caso ci troviamo davanti alla paura per uno degli oggetti che più siamo abituati a vedere tutti i giorni: i bottoni. Una fobia collegata a traumi vissuti dall’individuo da bambino, dovuta molto probabilmente a una figura genitoriale che aveva il timore che il piccolo potesse ingerirne e soffocarsi per sbaglio. Le persone colpite da questa fobia non riescono a vedere i bottoni nè tanto meno riescono a toccarli.

  • Somnifobia

La somnifobia è la paura di addormentarsi per via che possa succedere qualcosa mentre si dorme. La paura non è solo collegata al fatto che possa accadere qualcosa a noi durante il sonno, ma soprattutto all’ambiente esterno che non possiamo controllare. Questa paura è molto comune tra le persone che vogliono avere sempre tutto sotto controllo e può causare alta irritabilità e, a lungo andare, ben più seri problemi di salute vista la scarsa qualità del sonno.

  • Tripofobia

La tripofobia (approfondisci qui) è senza dubbio una delle fobie più curiose e insolite con cui possiamo avere a che fare. Questa paura, infatti, è collegata al timore dei buchi e si può materializzare attraverso la visione di cavità presenti in oggetti come mattoni, spugne da bagno e alveari.

Alle radici di questa insolita fobia ci sarebbe un’eredità culturale che spingerebbe l’uomo ad avere timore di cosa possa nascondersi in natura all’interno dei buchi, come ad esempio insetti o altri esseri pericolosi o semplicemente disgustosi alla vista.

Oltre a questo motivo c’è anche il timore delle malattie infettive che, in alcuni casi, si presentano sotto forma di buchi sulla nostra pelle. Le persone colpite da questa fobia, se costrette ad avvicinarsi o a dover guardare a lungo una superficie bucata, possono essere soggetti ad attacco di panico come ad episodi di ansia e palpitazioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *