Moneta brasiliana: tutto quello che c’è da sapere

La moneta brasiliana è il Real, valuta con una storia molto lunga che trae le sue radici dalle prime espansioni coloniali del diciassettesimo secolo. Attualmente la moneta è molto debole sull’euro, con un tasso di cambio che prevede l’acquisto di 6 Real a fronte della spesa di 1 euro. Le cose non cambiano molto se si vuole effettuare il cambio in dollari; con un dollaro si possono acquistare circa 5 Real.

Storia

Il Real venne introdotto per la prima volta nel paese sudamericano a seguito della conquista da parte dei colonizzatori portoghesi. La loro moneta aveva lo stesso nome e fu utilizzata in Brasile a partire dal 1790. Venne usata come unica moneta di scambio fino al 1942, per poi venire sostituita dal cruzeiro, che però non ebbe vita lunga in quanto, con la riforma del 1994, “Piano Real”, il governo decise di cambiare nuovamente e di introdurre per la seconda volta il Real nella speranza di risollevare l’economia locale.

Dopo un primo periodo in cui si mantenne forte sulle altre valute, a seguito dell’entrata in vigore dell’euro perse di valore sia nel cambio con esso che con il dollaro statunitense.

Monete

Ogni Real è composto da cento Centavos. I tagli delle monete vanno da quella con il valore di un centavos fino a quella da 1 Real, passando per i tagli da 5, 10, 25 e 50.

Sulle loro facciate sono intagliate varie immagini del paese, che raffigurano lo stemma del paese, l’effige della Repubblica e alcuni dei suoi governanti. Pietro I è raffigurato a cavallo nella moneta da 10 centavo mentre quella da 25 raffigura Manuel Deodoro da Fonseca, militare e presidente del congresso nazionale alla fine dell’Ottocento.

La moneta da 50 centavo ha, inoltre una particolarità: reca sul bordo il motto del paese, presente anche sulla bandiera, ossia “Ordem e Progresso”.

Banconote

Le banconote hanno tagli che vanno da 2 a 100 Real, passando per i valori di 5, 10, 20 e 50. L’ultima serie fu introdotta nel 2010 e fu stabilito che ogni taglio supportasse sulla facciata frontale l’effigie della Repubblica sotto forma di busto. Sul retro, invece, ogni banconota rappresenta la raffigurazione di un animale, che è anche la guida della filigrana. Si va da quelli più esotici fino ai più comuni esemplari sparsi su tutto il pianeta.

La banconota da 2 Real (Reais al plurale) ha come simbolo una tartaruga, nello specifico una tartaruga embricata; quella da 5 riporta invece l’immagine di un airone bianco maggiore, uccello presente in quasi tutti i continenti a causa di un’intensa attività migratoria.

Sulla banconota da 10 Reais compare uno degli animali più famosi del brasile, l’ara dalle ali verdi, un pappagallo dal piumaggio formato da colori vivaci e accesi; sempre restando in tema di fauna brasiliana, la scimmia leonina, altra specie molto diffusa in Sud America, è la protagonista della banconota da 20 Reais. Sugli altri tagli compaiono animali più famosi, il giaguaro e la cernia, rispettivamente sulle banconote da 50 e 100 Reais.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *