Piantine da coltivare in casa come antistress

Ansia e stress sono diventati argomenti all’ordine del giorno, specialmente in questo 2020, ma non solo. Numerosi impegni familiari, lavorativi e preoccupazioni di ogni genere si presentano tutti i giorni ad un ritmo sempre più incalzante. Tutto questo ci fa sentire spesso in un vortice senza controllo. Cosa puoi fare per trovare quel momento di respiro anche se abiti in città? Hai mai pensato alla cura di piantine da coltivare in casa?

Perché coltivare un orto casalingo

In un primo tempo potresti pensare che sia un impegno supplementare, ma in realtà aver cura di piantine in casa presenta diversi vantaggi. Il primo è stato definito ortoterapia o garden therapy. Diversi studi hanno dimostrato che passare del tempo prendendosi cura del giardino o delle piante porta benefici a livello psicofisico. A livello mentale essere a contatto con il verde in questo modo consente di riconquistare la calma interiore, infatti il ritmo molto più lento della natura fa uscire dal vortice della vita frenetica. Per di più, oltre a stimolare qualità come la pazienza, è stato riscontrato che gli effetti benefici della garden therapy sono visibili anche a livello fisico con l’abbassamento dei battiti cardiaci e della pressione sanguigna, nonché la regolarizzazione del respiro.

Un ulteriore beneficio del coltivare piante o frutta e verdura in casa è dato dalla genuinità dei prodotti che andresti a raccogliere e dal pregio di mangiare prodotti di stagione. Senza dimenticare la bellezza che la tua coltura darebbe per esempio al tuo terrazzo.

Infine piantare, innaffiare e aver cura di piantine è un’eccellente attività da svolgere insieme ai bambini anche in un orticello cittadino.

Come disporre un angolo verde in casa

La sfida del creare il tuo angolo di natura verte sia nell’organizzare lo spazio che nel scegliere le piantine adatte. Di quale spazio disponi?

Dove collocare le piante

Il posto ha la sua importanza, perché determinerà l’organizzazione e la sistemazione dei vasi, ma ugualmente la scelta delle piantine da coltivare. Che tu abbia a disposizione un terrazzo, un davanzale o il tuo angolo verde debba crescere solo in casa dovrai valutare la quantità di luce del sole e di calore. Alcune piante hanno necessariamente bisogno di 6-8 ore di luce, di conseguenza dovrai prestare attenzione se il tuo terrazzo viene presto coperto dall’ombra delle case vicine per esempio. Oppure se il tuo davanzale è a sud, quanto si riscalda d’estate? Fatte queste considerazioni, puoi riflettere a quali piantine mettere.

Cosa coltivare in casa

Le possibilità sono infinite. La nostra scelta può spaziare tra le piante d’appartamento e a quelle di frutta e verdura. Quindi libero sfogo alla creatività. Ecco alcuni suggerimenti:

Piante d’appartamento

Alcune piante che necessitano una modesta quantità di luce e acqua sono:

  • lo Spatifillo che gradisce la penombra e vuole essere innaffiato una volta a settimana;
  • il Filodendro invece vuole molta luce, ma indiretta e in primavera ed in estate avrà bisogno di più acqua, rispetto all’autunno e l’inverno;
  • la Sanseveria o lingua di suocera, anche lei non gradisce la luce diretta e gli sbalzi di temperatura ed è buono aspettare che il terreno sia asciutto prima di innaffiarla nuovamente.

Fiori

I fiori offrono un caleidoscopio di forme e colori. Ogni stagione offre il suo spettacolo dai tulipani primaverili che si prestano sia alla coltivazione in vaso da mettere in soggiorno o sul terrazzo, ai ciclamini che d’inverno ci regalano i loro colori sgargianti. Come non parlare delle orchidee che abbelliscono i davanzali interni. Il tuo vivaista di fiducia ti potrà consigliare i fiori da coltivare in casa più adatti alla tua esigenza.

Ortaggi da coltivare in casa

Quando si parla di ortaggi, si pensa all’orto all’aperto, ma questo non necessariamente dev’essere fuori casa. Con una buona organizzazione dei vasi, più piccoli e più grandi in funzione della pianta potrai ottenere un orto casalingo invidiabile anche sul tuo terrazzo. Anche in questo caso la luce è lo spazio sono aspetti importanti. Se il tuo balcone non è molto esposto puoi scegliere tra piante come la lattuga, la valeriana, la cicoria o il sedano, per esempio. Anche le piante aromatiche come il prezzemolo, il basilico o l’erba cipollina ci si troveranno bene. Se invece è soleggiato per la maggior parte della giornata ti puoi avvicinare a praticamente tutto.

Un altro fattore da considerare è lo spazio vitale che necessita la pianta, questo ti guiderà nella grandezza del vaso e nella sua collocazione rispetto alle altre piante.

Con una soluzione a ripiani ti sarà possibile sfruttare un angolo del terrazzo con diversi ortaggi, zucchine, pomodorini, peperoni o carote.

Anche in casa è possibile sbizzarrirti con una bella varietà di erbe aromatiche, ma anche ravanelli, spinaci, pomodori e se hai sufficiente spazio anche le patate.

Frutta

Molte piante da frutto si adattano bene ai vasi. Un classico è il limone, ma anche il banano nano può essere una soluzione interessante anche indoor. Se il terrazzo è simile all’ambiente naturale della pianta da frutto dovrai solo tener conto dello spazio di cui disponi nella tua scelta. Se il tuo balcone risulta un po’ a mezz’ombra la tua scelta potrebbe andare verso i frutti di bosco che possono dare grandi soddisfazioni. Infine come non menzionare le fragole che possono stare bene sia fuori che in casa.

In conclusione

Le piantine da coltivare in casa, oltre ad essere un bel passatempo, stimoleranno la tua creatività e ti permetteranno di uscire dal vortice dei tanti impegni e preoccupazioni di oggi regalandoti calma e salute, e perché no anche prodotti genuini da mettere in tavola. Perché non provarci?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *