Viaggiare in Tanzania con bambini

Indubbiamente la nascita dei tuoi figli riduce un po’ le possibilità di viaggiare che avevi prima. Magari ora non potrai più fare un trekking di due settimane sull’Himalaya o attraversare il deserto del Sahara a dorso di cammello.

Ma questo non vuol dire che devi assolutamente abbandonare l’idea di viaggiare in maniera avventurosa e in mete esotiche. La maggior parte delle mamme tende a fare le proprie vacanze in Italia con i bambini appena nati e poi ad allungare il proprio “raggio d’azione” dopo qualche anno.

Se sei una mamma che ha intenzione di viaggiare per il mondo con tuo figlio o i tuoi figli, voglio oggi proporti una meta che è tra le migliori in Africa per una vacanza per tutta la famiglia: la Tanzania.

Si tratta di uno dei paesi più sicuri dell’Africa e le ottime infrastrutture lo rendono perfetto per viaggiare. Inoltre potrai trovare alcuni dei posti più belli di tutto il continente: il Serengeti e Ngorongoro sono tra i safari più famosi al mondo; Zanzibar ha delle spiagge bianche che non hanno bisogno di alcuna presentazione; il Kilimangiaro, la montagna più alta d’Africa, è uno spettacolo che vedrai già dall’aereo al tuo arrivo in Tanzania.

Dal punto di vista sanitario il paese è pronto ad accogliere i bambini, dal momento che le strutture mediche sono abbastanza buone. Inoltre fin da piccoli i tuoi figli potranno fare la profilassi anti-malarica, permettendoti di stare più tranquilla rispetto alle fastidiose zanzare.

Safari con bambini

Nel nord della Tanzania ci sono tre parchi dove potrai fare alcuni tra i migliori safari in Africa: Serengeti, Ngorongoro e Tarangire. Il primo è in assoluto uno dei parchi più famosi del continente, molto probabilmente l’avrai già visto in qualche documentario in cui si parla della grande migrazione, dove circa un milione e mezzo di gnu, zebre e antilopi si spostano ciclicamente da una parte all’altra del Serengeti seguendo le piogge che lasciano dei buoni pascoli dove possono nutrirsi. Qui i tuoi figli rimarranno estasiati dalla quantità di animali che potranno vedere, inclusi alcuni tra i più iconici: leoni, ghepardi, elefanti, giraffe, zebre, iene. Sicuramente gioiranno nel vedere i grandi gruppi di ippopotami che si rinfrescano negli ampi stagni del Serengeti. Ngorongoro è invece un parco all’interno di un enorme cratere vulcanico, una degli scenari più belli dell’intera Africa. Qua, oltre ai soliti noti, i bambini potrebbero ammirare uno dei pochi rinoceronti neri rimasti nel mondo. Infine il Tarangire, forse il parco meno famoso dei tre, ma quello con la più alta concentrazione di elefanti al mondo: sarà uno spettacolo vedere i tuoi figli ammirare a pochi metri da loro questi enormi pachidermi.

Viaggo a Zanzibar con bambini

Meta favolosa spesso scelta dalle giovani coppie in viaggio di nozze, Zanzibar è in realtà il luogo perfetto per i tuoi figli, magari dopo aver fatto l’impressionante esperienza dei parchi del nord della Tanzania.

Una vacanza a Zanzibar con bambini è decisamente fattibile, sia fai-da-te che con un tour organizzato. Se preferisci organizzare da sola i tuoi viaggi hai due scelte per portare i tuoi figli a Zanzibar. La parte nord-occidentale dell’isola è quella del turismo più organizzato, con i grandi villaggi turistici che possono essere un’ottima scelta per i loro servizi nei confronti dei bambini: qua potrai affidare i tuoi figli alle cure di personale specializzato per alcune ore al giorno, loro si divertiranno e tu avrai tempo per altre escursioni o per il relax. Su questo lato dell’isola, inoltre, il mare è più calmo e con meno ricci di mare. L’altra opzione è la zona di Jambiani, nella zona meridionale della costa est di Zanzibar. Troverai decine e decine di piccoli hotel che danno direttamente sulla spiaggia, dove l’ambiente sarà più tranquillo, ma decisamente sicuro per i piccoli che vorranno giocare tra la spiaggia e l’acqua.

E il Kilimangiaro?

Infine una mezza provocazione: se i tuoi figli sono un po’ più cresciuti, amanti dell’avventura e in buona forma fisica, perché non fare la scalata del Kilimangiaro?

Te lo dico subito, non si tratta di una passeggiata e questa tappa del vostro viaggio va studiata attentamente. D’altronde arrivare a quasi 6.000 metri di altitudine non è per tutti. Inoltre dovrai fare tra i sei e i nove giorni in campeggio con ben poche comodità. È pieno però di esempi di ragazzi che ce l’hanno fatta e senza grossi problemi.

L’età minima per provare la scalata del Kilimangiaro è di dieci anni, ma fino ai diciotto è ovviamente necessario discuterne bene con il vostro medico di famiglia.

Conclusione

In questo momento in cui il Covid sembra darci una tregua, perché non pensare a un bel viaggio in Tanzania insieme ai tuoi figli? Safari da sogno, spiagge esotiche e montagne spettacolari saranno un ricordo che si porteranno dietro per tutta la vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *